Luglio 18, 2024
Cosa mangiare e bere a Ischia

Cosa mangiare e bere a Ischia

La gastronomia di Ischia possiede molti piatti ereditati dalla cucina tipica napoletana, per cui avvertire la fame è praticamente impossibile. I piatti tipici di Ischia e specificamente isolani sono pochi, ma rappresentano ricette che bisogna provare durante qualsiasi viaggio e per questo motivo, parleremo di ciascuna di esse.

Ora quello che più ci interessa è raccontarti dove mangiare a Ischia, poiché dopo il nostro viaggio per le isole di Napoli abbiamo provato un sacco di locali che meritano davvero di essere raccomandati. Pertanto non ci dilunghiamo ulteriormente e andiamo a scoprire quali sono i migliori ristoranti di Ischia.

Cosa mangiare e bere a Ischia

Oltre ai piatti campani più diffusi, se vai a visitare Ischia, devi provare le sue ricette tipiche. Come già anticipato, non sono molte, ma assaporarle tutte è qualcosa di imprescindibile durante qualsiasi viaggio in questo angolo di paradiso.

Vini ischitani

Ischia può vantare il secondo vino bianco DOC italiano, all’epoca registrato come Ischia Bianco DOC e, solo per questioni burocratiche, trascritto poche ore dopo il primo.

La tradizione vinicola, pertanto, è molto importante sull’isola, con una spiccata predilezione per i vini bianchi, capaci di essere molto ricchi sia sotto il profilo olfattivo che aromatico, in virtù della presenza di vitigni autoctoni tra cui spiccano Biancolella e Forastera.

I vini rossi, invece, sono mediamente giovani, raramente invecchiati e complessi. Il vitigno dominante è il Piedirosso, la cui uva restituisce un vino aromatico con le tipiche caratteristiche, tuttavia, dei vini rossi giovani.

I vini ischitani sono acquistabili dal sito Scapriccio.it, che propone le cantine Mazzella e spedisce in tanti Paesi europei con attenzione ai dettagli ed alla sicurezza delle bottiglie.

Zingara ischitana

È una delle cose più semplici che ci sia, ma a noi è piaciuta molto.

Si tratta di un sandwich di pane bianco farcito con prosciutto crudo, mozzarella, pomodoro, lattuga e maionese. Questo semplice panino è uno dei piatti più tipici da mangiare a Ischia, tanto che è possibile trovarlo in quasi ogni angolo dell’isola.

Perché è così buono? Ad Ischia il pane tradizionale è quello a lievitazione naturale cotto a legna, meno comune in altre realtà italiane ed europee. Questo pane, piastrato, diventa buonissimo già da solo. Poi gli altri ingredienti, tipicamente estivi, completano il tutto.

A nostro parere, è ideale per un pasto rapido e leggero, per andare in spiaggia o semplicemente come spuntino di metà mattina o pomeriggio.

Coniglio all’ischitana

Uno dei piatti da gustare in uno qualsiasi dei ristoranti isolani è il coniglio all’ischitana. Per la preparazione, il coniglio viene cotto con aglio, sale, olio d’oliva, vino bianco, peperoncino, pomodorini e varie spezie in una pentola di terracotta. Tra queste spezie è tipica la piperna, nient’altro che un timo selvatico, comunque molto caratteristico.

Il coniglio, già da solo (come secondo), è buonissimo e si sposa perfettamente con i bucatini al sugo di coniglio cosicché possa goderti un pasto completo, tipicamente ischitano.

Cornetto all’ischitana o cornetto di Calise

Se sei amante dei dolci, non puoi non provare il cornetto all’ischitana, una vera e propria delizia che provoca dipendenza: è una vera e propria pasta artigianale, diversa dai soliti croissant poiché non è sfogliato.

Soprattutto oggi (dove mediamente si tende a vendere cornetti industriali a bassissimo costo), il cornetto all’ischitana è una piacevolissima meteora.

Il cornetto all’ischitana è stato invenzione ed esclusiva del bar Calise, cognome del proprietario originario (Emiddio Calise). Bisogna visitare il Calise in Piazza degli Eroi almeno una volta: un locale che è diventato un’icona di Ischia, una pasticceria storica, che prepara un delizioso cornetto, capace di conquistare anche il palato più esigente.

Inoltre, il locale in sé è una meraviglia, essendo circondato da una vegetazione incantevole e capace di entrare nel guinness world record per il bancone più lungo al mondo (proprio il cosiddetto “bar”, come lo chiamerebbero gli inglesi).

Diremmo che è uno dei luoghi dove mangiare a Ischia che non può mancare, poiché è un’attrazione in più!

Pollo alla fumarola

Se c’è un piatto che consigliamo di provare è il pollo alla fumarola, non per i suoi ingredienti, ma per la sua peculiare cottura.

Per la preparazione, il pollo viene coperto con alluminio e messo dentro un canovaccio.

Successivamente, viene posto nella sabbia, che si riscalda raggiungendo temperature altissime grazie alle numerose fumarole naturali dell’isola (Ischia, come sappiamo, è un’isola vulcanica, ricca di fonti di acqua termale). Il risultato è un pollo al cartoccio, cotto lentamente e a bassa temperatura, capace di conservare aromi e morbidezza. Fantastico, così come l’esperienza in sè.

Se vuoi immergerti veramente nelle tradizioni isolane, questo piatto della cucina di Ischia non deve mancare nella tua esperienza.