Giugno 15, 2024
Trasferirsi a Firenze: guida pratica per un trasloco intelligente e low cost

Trasferirsi a Firenze: guida pratica per un trasloco intelligente e low cost

Firenze, culla del Rinascimento e scrigno di tesori artistici, incanta con la sua bellezza senza tempo.

Le sue strade acciottolate, le maestose chiese e i musei ricchi di capolavori attirano visitatori da tutto il mondo.

Ma, oltre ad essere una meta turistica rinomata, Firenze rappresenta anche una scelta ideale per chi desidera vivere in una città che offre una qualità della vita ineguagliabile, un ambiente culturale stimolante e una gastronomia eccellente (vedasi bistecca alla fiorentina).

Non di rado, turisti e visitatori, attratti da tutto ciò, decidono di trasferirsi qui per godere quotidianamente delle sue meraviglie.

Per chi sogna di fare lo stesso, questa guida completa accompagnerà passo dopo passo in un percorso organizzato e attento al risparmio, per rendere il sogno realtà senza gravare eccessivamente sul budget.

Firenze, infatti, può sembrare una destinazione costosa, ma con una buona pianificazione e qualche consiglio pratico, il trasloco può diventare un’esperienza piacevole e senza stress.

Preparativi per il trasloco: pianificazione e tempistiche

Prepararsi al trasloco implica diverse fasi cruciali, dalla pianificazione alla gestione delle utenze domestiche, passando per la scelta di una ditta di traslochi affidabile e conveniente.

Ridurre il carico, imballare correttamente i propri beni e scegliere il periodo giusto per il trasloco sono aspetti fondamentali per risparmiare tempo e denaro.

Firenze offre diverse opzioni per riciclare, donare o vendere gli oggetti che non si desidera portare con sé, permettendo di iniziare una nuova vita in una casa meno ingombrata.

La pianificazione è la chiave per un trasloco senza stress, iniziando con un calendario dettagliato dei compiti da svolgere e delle scadenze da rispettare.

A tal proposito, ecco alcuni passaggi chiave:

  • Tre mesi prima del trasloco: fare un inventario delle cose e decidere cosa portare con sé e cosa lasciare, vendere o donare.
  • Due mesi prima del trasloco: cercare ditte di traslochi e richiedere preventivi, verificare le recensioni online e scegliere una ditta affidabile.
  • Un mese prima del trasloco: prenotare il trasloco e iniziare a imballare gli oggetti non essenziali.
  • Due settimane prima del trasloco: notificare il cambio di indirizzo a tutte le istituzioni necessarie (banca, posta, fornitori di luce e gas, ecc.).
  • Una settimana prima del trasloco: imballare gli oggetti essenziali e preparare un kit di sopravvivenza per il primo giorno nella nuova casa.

Ridurre il carico: vendere, donare, riciclare

Traslocare è l’occasione perfetta per fare una cernita delle proprie cose.

Meno cose ci si porterà dietro, meno costerà il trasloco.

Pertanto, ecco alcuni suggerimenti:

  • Vendita: organizzare una vendita in garage con amici e conoscenti oppure vendere online su piattaforme come eBay, Subito.it o Facebook Marketplace.
  • Donazione: donare abiti, mobili e altri oggetti inutilizzati ad enti di beneficenza locali.
  • Riciclo: riciclare tutto ciò che non può essere venduto o donato.

Trovare una ditta di traslochi economica a Firenze: consigli utili

Traslocare a Firenze può essere un’esperienza emozionante, ma anche impegnativa e dispendiosa, soprattutto se si deve trovare una ditta di traslochi che sia affidabile e conveniente allo stesso tempo.

Il primo passo è richiedere preventivi a diverse ditte di traslochi a Firenze, almeno 3-4, specificando nel dettaglio tutti i servizi richiesti, il volume da traslocare, la distanza da percorrere e le eventuali date flessibili.

Ricordarsi che alcune ditte di traslochi offrono sconti per studenti, anziani o per trasferimenti in giorni feriali.

Non esitare mai a chiedere se sono previsti sconti, anche se è importante non basarsi solo sul prezzo più basso, ma valutare attentamente tutti i fattori menzionati per trovare la ditta di traslochi che meglio si adatta alle proprie esigenze e al proprio budget.

Imballaggio e trasporto

Imballare in modo efficiente non solo proteggerà i propri beni, ma può far risparmiare anche sui costi di trasporto.

In ragion di ciò, ecco alcuni spunti interessanti:

  • Materiali di imballaggio: procurarsi scatole robuste, nastro adesivo, pluriball e carta da imballaggio.
  • Etichettatura: etichettare chiaramente ogni scatola con il contenuto e la stanza di destinazione.
  • Oggetti fragili: imballare gli oggetti fragili con cura, utilizzando pluriball e segnando le scatole come “Fragile”.
  • Mobili: smontare i mobili se possibile per risparmiare spazio e ridurre il rischio di danni.
  • Trasporto: avendo un budget limitato, valutare l’opzione di noleggiare un furgone e fare il trasloco da soli, assicurandosi di avere abbastanza amici o parenti pronti ad aiutare.

Consigli per risparmiare ulteriormente sui costi del trasloco

Traslocare può essere un’esperienza impegnativa e stressante, soprattutto dal punto di vista economico.

Tuttavia, con un pizzico di ingegno e una buona pianificazione, è possibile risparmiare sui costi di trasloco senza rinunciare all’efficienza e alla tranquillità.

Ecco come:

  • Pianificare il trasloco con largo anticipo: maggiore è il tempo a disposizione, maggiore sarà la possibilità di trovare soluzioni convenienti e di organizzarsi con calma.
  • Scegliere il periodo giusto: i prezzi dei traslochi tendono ad essere più bassi durante la bassa stagione, ovvero in primavera e autunno. Se possibile, evitare di traslocare nei mesi estivi o durante le festività natalizie.
  • Valutare un trasloco fai da te: se si hanno amici e familiari disponibili a dare una mano, il fai da te può essere un’opzione economica da considerare. Noleggiate un furgone e dedicatevi all’imballaggio, carico e scarico degli oggetti.
  • Utilizzare scatole adatte: scegliere scatole di cartone resistenti e di diverse dimensioni per ottimizzare lo spazio all’interno del furgone o del mezzo di trasporto.
  • Acquistare mobili di seconda mano: arredare la nuova casa con mobili di seconda mano o vintage (come gli ottimi mobili Stilema) può essere un’ottima soluzione per risparmiare, senza rinunciare allo stile e alla qualità.

Gestire le utenze domestiche

Uno degli aspetti più importanti del trasloco, ma spesso sottovalutato, è la gestione delle utenze domestiche.

A tal proposito, ecco come procedere:

  • Elettricità e Gas: contattare i fornitori locali per effettuare un subentro o una voltura per il servizio.
  • Acqua: l’acqua è gestita per lo più da Publiacqua. Assicurarsi di contattare l’azienda per la registrazione del nuovo contratto.
  • Internet e Telefono: verificare la copertura della connessione internet delle varie compagnie (TIM, Vodafone, Fastweb casa) e scegliere il piano più adatto alle proprie esigenze.
  • Tassa sui Rifiuti: informarsi presso il Comune di Firenze per registrare la tassa sui rifiuti (TARI).